SanGiò Verona Video Festival 2019 - SanGio' Verona Video Festival 2019

Vai ai contenuti

Menu principale:

 
 
 
 

25°  San Giò Verona Video Festival  2019
 
Verona 23 – 27 luglio 2019
 
Concorso Cortometraggi
 
Martedì 23 Luglio
Ore 20.30
 
The Bird and the Whale (Irlanda, 2018, 7’) di Carol Freeman
Orpheos (Estonia, 2019, 12’ 45”) Directed by Priit Tender
With a view of the Bosphorus (Svezia, Turchia, 3018, 11’ 18”) Directed by Freja Andersson.
Final (Gran Bretagna 4’23”) Directed by Shuna Luo.
To plant a flag (Norvegia, Islanda, 2018, 14’ 25”) Directed by Bobbie Peers
5’23 avant la fin d’un monde( Francia, 2018, 5’ 23”) Directed by Bophal
La matita rossa (Italia, 2018, 17’ 34”) Directed by Denis Dellai
In the beginning  was silence (Libano, 2019, 9’ 30”) Directed by Tatiana Saroufim
Shanti Khana (USA, 2018, 28’) Directed by Lauren Anders Brown
Trumped (Nigeria, 2019, 10’) Directed by Stanlee Ohikhuare
Tarakanishe (Russia, 2018, 8’ 53”) Directed by Sonia Telamud
Skin (USA, 2018, 20’) Directed by Guy Nattiv
The Return (Russia, 2018, 8’ 51”)  Directed by Mila Komrakova
 
Mercoledì  24 Luglio
Ore 20.30
 
Vertigo (Italia, 2019, 3’ 37’) Directed by Flavio Sciolè
Mattaranetta (Italia, 2019, 9’ 43”) Directed by Walter Mazo
13 seconds (Iran, 2018, 10’) Directed by Milad Tangshir
16 districts, 16 floors, 16 people (Armenia, 2018, 19’ 44”) Directed by Tatevik Vardanyan
Fusilao (Venezuela, 2018, 10’) Directed by Maria Laura Reina
Ca$h (Singapore, 2018, 11’ 45”) Directed by Tan Wei Ting
Pooling (USA, Spagna, 2018, 4’ 05”) Directed by di Dawn Westlake
The number (Sud Africa, Gran Bretagna, 2018,  13’44”) Directed by Manuela Gray
Yousef (Italia, Francia, 2018, 14’16”) Directed by Mohamed Hossameldn
Campo minato  (Italia, 2019, 10’)  Directed by Michele Bellio
Cyclist (Croazia, Francia, 2018, 7’ 20”) Directed by Veljko Popovic
A White Dog, over the Fog (Sud Corea, 2018, 13’ 20”) Directed by Jung Seunghee
AUA (Kazakistan, 2018, 13’ 53”) Directed by Aizhana Kassymbek
La eternidad de Paula (Venezuela, 2018, 10’ 45”) Directed by di Dayana Gauthier
 
Giovedì 25 Luglio
Ore 20.30
 
10 (Croazia, 2018, 8’ 09” ) Directed by Paula Konjušić
Coucouleurs (Svizzera, 2019, 6’ 35”) Directed by Oana Lacroix
Schauerfilm (Kosovo, Albania, 2018, 18’) Directed by Lorena Sopi
Prvi korak (Croazia, 2018, 9’50) Directed by Petra Kožar
Octubre otra vez ( Messico, 2018,  5’ 41”) Directed by Sofia Auza
Campo minato (Italia, 2018, 9’ 57”) Directed by Michele Bellio
Duro de amar (El Salvador, 2018, 10’) Directed by Jorge Avalos
Carne ( Italia, 2018, 27’ 10”) Directed by Stefano Zampini
Today Artist, Tonight Taxist (Moldova, Romania 2018  14’28”) Directed by Dumitru Grosei 
 
Venerdì 26 Luglio
Ore 20.30
 
Volver (Messico, 2018, 15’) Directed by Diego Salazar
Fuera de control (Spagna, Panama, USA, 2018’, 15’) Directed by Reynaldo Quijada
61 Qram  (Azarbaijan, 2018, 10’05”) Directed by Rashad Babayev
Matter and motion (2018, 2’ 15”) Directed by Max Hattler
Serial Parallels (Hong Kong, Germania, 2018, 9’) Directed by Max Hattler
60 ways to die or fly (Svizzera, 2018, 4’ 29”) Directed by Christina Benz
Caphelle Camerlata (Italia, 2018, 18’ 14”) Directed by Andrea Perusi
28 de Outubro (Portogallo, 2018, 10’ 41”)  Directed by Tiago Albuquerque
30 Amper (Repubblica Ceca, 2018, 13’ 45”) Directed by Michal Kubicek
Il ragazzo che smise di respirare (Italia, 2018, 12’ 43”) Directed by Daniele Lince
300 g/m 2 ( 2018, 5’ 33”) Directed by Kamila Kucikova
Saras intime betroelser (Norvegia, 2018, 21’ 50”) Directed by Emilie Blichfeldt

Sabato 27 Luglio
Ore 20.30

Ritmi di borgo (Italia, 2019, 3’01”) Directed by Romano Martinis
Il mondiale persiano (Italia, 2019, 11’) Directed by Francesco Alino Guerra
Colette (Spagna, 2018, 29’) Directed by Elena Saura Castaño, Jaime Baselga Agustí
Bhalobasar Jonve, Bhalobasar Songe (India, 2018. 26’ 29”) Directed by Manav Kaushik
 

Tutte le proiezioni sono a entrata libera
I Film sono proiettati nella Sala di Santa Maria in Chiavica, sede del CTG Verona, nell’omonima via del Centro Storico di Verona

 
 

25°  San Giò Verona Video Festival  2019

Verona 23 – 27 luglio 2019

Concorso Lungometraggi

Martedì 23 Luglio
>Ore 16

Los Pilares (Spagna, 2018, 59’) di RaúlVellejo
El Rey Negro (Spagna, 2018, 68’) di Paola Gosalvez
Sono Cesare ma chiamatemi Mimmo (Italia, 2018, 43’) di Orfeo Orlando
 
Mercoledì 24 luglio
>Ore 16

Folk (Spagna, 2018, 77’) di Pablo Garcia Sanz
Il sorriso del gatto ( Italia, 2018, 60’) di Mario Brenta e Karine de Villers
 
Giovedì 25 luglio
>Ore 16

En busca del Óscar (Argentina, 2018, 72’) di  Octavio Guerra
Laila at the Bridge (Canada, Afghanistan , 2018,  97’) di Elissa Sylvia Mirzaei, Gulistan Mirzaei

>Ore 21
1918 Fuga dalla Russia (Svizzera, 2018, 56’) di Ruben Rossello
 
Venerdì  26  luglio
>Ore 16

Be Kind (Italia, 2018, 83’) di Sabrina Paravicini
Fausto (Messico, Canada, 2018, 70’) di Andrea Bussmann.

Sabato 27
>Ore 16

Atto di fede (Italia, 2018, 58’)  di Vittorio Antonacci
Tiberghien storia di una fabbrica  (Italia, 2018, 42’) di Dario Dalla Mura e Elena Peloso

>Ore 21
A prescindere  (Italia, 2019, 51’ 44”) di Francesco Torre
 
Tutte le proiezioni sono a entrata libera
I Film sono proiettati nella Sala di Santa Maria in Chiavica, sede del CTG Verona,
nell’omonima via del Centro Storico di Verona
 
 
Avanti tutta!

25 anni, un quarto di secolo, un evento per un piccolo festival internazionale, nato dalle fresche ceneri di un altro festival segnato subito dalla necessità di comunicare, di usare le immagini in movimento per cambiare le idee, non per divertire, ma con grande serietà di raccontare il mondo.
Nel 1994 con Le arti al cinema, al Centro Mazziano, una struttura capace di orientare l’idea di cinema negli anni ’70 ne ’80 dello scorso secolo, gli ultimi in cui le sale si riempivano, insieme a Fausto Pavesi avevamo pensato a quell’idea di cinema come arte, da indagare e offrire, ad aiutarci era venuto Sirio Luginbühl, artista video legato all’underground.
L’idea era piaciuta a Igino Maggiotto, all’epoca assessore alla cultura del Comune di San Giovanni Lupatoto, così l’anno dopo nasceva il San Giò Video Festival. Quattro anni dopo ritornavamo a Verona, a occuparne le piazze d’estate per cinque giorni, dal 23 al 27 luglio, le date fisse del festival.
Un festival è tante storie e tante figure, è fatto di immagini e persone, è fatto di arrivi e partenze, di ricordi e anche di rimpianti, per film non avuti, per i soldi sempre troppo pochi, per gli amici che se ne sono andati nel tempo dopo essere stati fondamentali per far crescere e vivere la manifestazione come Fausto, Igino, Sirio, insieme a Mario Dell’Argine, a Corso Salani, a Giorgio Trentin e altri ancora, sono loro le stelle protettrici di questo che è diventato San Giò Verona Video Festival.
Ma non è tempo per festeggiare, e neppure per mettere le pantofole e ricordare. Dopo aver passato al chiuso di una sala la scorsa edizione, problemi di organizzazione logistica e economici ci spingono alla stessa scelta anche quest’anno, una scelta che rende ancor più selettiva la programmazione, non è la stessa cosa avere lo spazio all’aperto e al chiuso, siamo dimezzati.
Nella città di Giulietta e Romeo un piccolo festival che porta decine e decine di opere da nazioni di tutto il mondo non trova luce perché non ha un tappeto rosso, non cerca ospiti da copertina, ma offre una grande qualità di produzione, e se questo basta a noi che l’organizziamo, evidentemente non basta a chi ormai ha un’idea di cinema legata alle proposte televisive.
Così stiamo affrontando l’edizione numero 25, con le solite paure e le solite certezze, la qualità dei film arrivati fino ad oggi è di gran rilievo e i temi trattati sono un dipinto preciso del mondo in cui viviamo.
Perché questo è il senso di un festival aprire al pubblico finestre troppo spesso chiuse sul mondo in cui viviamo.
La via è aperta, sarà un grande Festival anche quest’anno, viva il Cinema viva il San Giò Verona Video Festival.

Ugo Brusaporco

Direttore artistico
 
 
 
 
Ricordando ...
Agnès Varda (Bruxelles, 30 maggio 1928 – Parigi, 29 marzo 2019)
 
 
 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu